Paesi vicini parlano di ammutinamento, 'militari rientrino'

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Un portavoce militare in Mali ha detto che sono stati sparati colpi di arma da fuoco in una caserma nei pressi della capitale Bamako, riferisce la Bbc. La situazione resta al momento confusa mentre la sede della televisione nazionale (Ortm) è stata evacuata.

L'ambasciata norvegese ha detto di aver ricevuto informazioni secondo cui militari sarebbero diretti verso la capitale e l'ambasciata francese ha consigliato di rimanere in casa, stando ancora alla Bbc.

"Questa mattina, alcuni militari arrabbiati hanno preso le armi alla base di Kati e hanno sparato in aria. Erano parecchi e molto nervosi", ha detto all'Afp un medico dell'ospedale di Kati, località a circa 15 chilometri dalla capitale e dove nel 2012 fu condotto un colpo di Stato. Una fonte del ministero maliano della Difesa ha intanto fatto sapere: "Seguiamo attentamente la situazione. I vertici militari sono in contatto con le truppe, una dichiarazione ufficiale seguirà in giornata" ma non parla di ammutinamento, che viene invece evocato dai paesi della Comunità economica degli Stati dell'Africa Occidentale (Ecowas) in un comunicato in cui si esortano "tutti i soldati a rientrare subito nelle caserme". (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.