(ANSA) - CAGLIARI, 07 DIC - Il sollievo degli allevatori sardi è durato poche ore. Arriva un nuovo stop alla movimentazione dei capi di bestiame dopo che poche ore fa la Regione aveva comunicato il via libera, in accordo con il ministero e le istituzioni coinvolte, annullando blocco di un mese per la cosiddetta malattia del cervo.
    In serata l'esito di nuove analisi giunto dal Centro di referenza nazionale per le malattie esotiche di Teramo, ha riscontrato la positività in alcuni capi a Busachi, in provincia di Oristano. Così dagli uffici del ministero la nuova comunicazione: torna lo stop alla movimentazione del bestiame fuori regione.
    Immediata la reazione dal mondo delle campagne. "Una bruttissima notizia che arriva proprio nel giorno dello sblocco della movimentazione dopo un mese di blocco totale - commenta il presidente di Coldiretti Sardegna Battista Cualbu -. In attesa di ulteriori aggiornamenti e di conoscere meglio i dettagli, chiediamo che si consenta comunque la movimentazione dei ruminanti anche se con Pcr e si sia celeri per circoscrivere il virus ed arrivare nuovamente alla libera movimentazione".
    (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Fonte: Ansa Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.