Un 20enne, disoccupato, di Cagliari, è stato denunciato per danneggiamento aggravato dalla Squadra Mobile perché la notte del 13 febbraio scorso, insieme ad alcuni coetanei, ha lanciato contro una macchina in transito in via Baylle diversi oggetti e ha colpito il veicolo con calci e pugni.

Gli uomini della Sezione Reati contro il patrimonio della Mobile hanno identificato il ragazzo grazie ad alcune telecamere della zona e sono al lavoro per identificare anche gli altri componenti del “branco”.

Il 20enne, insieme ad altri coetanei molto probabilmente tutti in stato di ebrezza, ha danneggiato il veicolo mentre cercava di oltrepassare il gruppetto, che era in mezzo alla strada. Il veicolo era condotto dal proprietario di un ristoratore del quartiere che aveva appena chiuso l’attività e stava rientrando a casa insieme alla moglie.

La Questura ha intensificato il pattugliamento del quartiere Marina, specie durante le ore notturne, mentre continuano i controlli sui locali che somministrano alcolici.

L'articolo Malamovida nella Marina a Cagliari, botte e oggetti contro un’auto in transito: denunciato un 20enne proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.