Luci spente contro il caro bollette all’esterno dei Municipi delle principali città italiane. Come Cagliari dove il caso bollette alle stelle, raddoppiate ma rincarate anche fino al 70%,  sta diventando un vero e proprio caso fra gli utenti che continuano a segnalare sui social cifre spropositate e ingiustificabili. L’amministrazione comunale di Cagliari aderisce dunque alla campagna contro il caro bollette promossa dall’Anci e spegnerà le luci del Palazzo Civico nella serata di domani, giovedì 10 febbraio. Una protesta contro i pesanti rincari che in questi giorni stanno mettendo in crisi i bilanci di municipalità e famiglie, già provate dalla pandemia che ha imposto una serie di spese extra, dai tamponi alle mascherine fino ai detergenti. “Siamo concentrati sul come sfruttare al meglio le opportunità offerte dai fondi Pnrr – afferma il sindaco di Cagliari Paolo Truzzu – per sviluppare progetti che guardino al futuro e invece ci troviamo a dover far fronte alle conseguenze del Covid e al rincaro delle bollette”.

“E’ una situazione paradossale – aggiunge il sindaco – e proprio oggi ne ho parlato con il ministro Enrico Giovannini che ho incontrato a Roma per discutere di Pnrr per la città metropolitana di Cagliari. Auspico che il presidente Mario Draghi intervenga contro il caro bollette. Da un lato abbiamo opportunità importanti e dall’altro rischiamo di non gestire l’ordinaria amministrazione e di tagliare i servizi essenziali”.

L'articolo Luci spente a palazzo Bacaredda, così Cagliari protesta contro le bollette-choc proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.