Luana, 22 anni, muore in fabbrica: “Che tragedia, eri una mamma così bella e così giovane…”. Italia in cordoglio per la tragedia sul lavoro che ha sconvolto Prato. La scena che si sono trovati di fronte è stata agghiacciante: il corpo dell’operaia era incastrato tra i meccanismi del macchinario. D’Orazio stava lavorando nel reparto di orditura a campione insieme ad un collega. Ad accorgersi della tragedia è stato l’uomo che, voltandosi, ha capito quello che era successo.

“Comprensibile lo choc tra i dipendenti dell’azienda molto conosciuta nel distretto di Montemurlo: Luana Coppini, la titolare dell’orditura che porta il suo nome, si è sentita male quando è stata avvisata della tragedia ed è stata accompagnata a casa. La vittima lavorava in via Garigliano da circa un anno. “Non ci posso credere, era una ragazza giovanissima e solare”: scuote il capo un collega che al momento della tragedia era impegnato in un altro reparto. In azienda è rimasto il marito della titolare, comprensibilmente scosso: “In questo momento siamo sconvolti. Una tragedia, una tragedia”, rivela il nostro giornale partner Quotidiano Nazionale.

 

L'articolo Luana, 22 anni, muore in fabbrica: “Che tragedia, eri una mamma così bella e così giovane…” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.