Nella giornata di ieri i Carabinieri di Sinnai hanno arrestato il 16enne B.F., residente con i genitori nella cittadina.

L’operazione rientra tra le numerose attività investigative quotidianamente svolte dai Carabinieri, tendenti a contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti specialmente tra i giovanissimi.

Così, in esecuzione a un decreto emesso da altra Autorità Giudiziaria nei confronti del giovane, per una diversa ipotesi di reato, i carabinieri di Sinnai hanno eseguito una perquisizione domiciliare nei confronti del ragazzo che è stato trovato in possesso di 150 grammi di marijuana, parzialmente suddivisa in dosi.  A completare il quadro è stato il rinvenimento di altra attrezzatura funzionale allo spaccio: bilancini elettronici di precisione, bustine di cellophane e involucri di carta stagnola in parte contenenti ancora stupefacente. Piccole somme di denaro sono state infine trovate occultate, in vari ambienti della casa. Tutto il materiale rinvenuto è stato sottoposto a sequestro.

Dopo le formalità di rito, il giovane (con precedenti di polizia) è stato associato presso il Centro di Prima Accoglienza di Quartucciu a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, contattata nel corso delle attività, con la quale i Carabinieri operano in stretto coordinamento, in attesa di successivi interventi, anche di natura assistenziale e pedagogica a favore del minore autore dei reati contestati.

L'articolo Lotta allo spaccio di droga, arrestato un pusher di 16 anni a Sinnai proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.