Ultimo step del progetto “Spiagge sicure 2020” in Sardegna: i sette Comuni sardi scelti hanno ricevuto 32mila euro a testa per potenziare i servizi di controllo nelle loro spiagge. Nel mirino finiscono i venditori abusivi e chi non rispetta le distanze minime previste dalle regole anti-Coronavirus. I denari sono arrivati dal ministero dell’Interno: sarà possibile spenderli per assumere nuovi agenti di polizia Locale, acquistare mezzi ed attrezzature utili ai poliziotti e promuovere campagne informative per far capire ai bagnanti quali sono i danni legati all’acquisto di prodotti contraffatti. “È chiaro che avendo delle forze superiori, sarà possibile vincere queste battaglie”, afferma il prefetto di Cagliari, Bruno Corda. E i vigili potranno multare chi non rispetta le regole anti-virus: “Puntiamo soprattutto, però, a convincere le persone che devono tutelare i loro parenti, i loro amici e chi non conoscono attraverso i sistemi di prevenzione. Distanziamento, lavaggio delle mani e utilizzo di dispositivi di protezione individuali”.

“È vero, i contagi sono a zero in Sardegna, ma non possiamo stare troppo tranquilli. Abbiamo visto quanto è avvenuto in situazioni molto limitate in altre parti del territorio nazionale”, ammonisce il prefetto, “il morbo è ancora presente, corriamo dei rischi”.

L'articolo Lotta agli abusivi e ai “ribelli” del Coronavirus, maxi controlli nelle spiagge di 7 Comuni sardi proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.