Durante  il periodo del lockdown si sono registrati sintomi depressivi o ansiosi per un italiano su quattro ed i disturbi del sonno sono risultati in forte crescita tra la popolazione, soprattutto per quanto riguarda le donne. E’quanto emerge dal progetto “Cocos”(Covid Collateral Impacts), ideato e condotto dalla professoressa Maria Rosaria Gualano e dal dottor Gianluca Voglino dell’università di Torino. I risultati dello studio, realizzato nelle ultime due settimane della Fase 1 (19 aprile – 3 maggio), valutando l’impatto del lockdown sui comportamenti e sul benessere degli italiani, sono stati pubblicati sull’”International Journal of Environmental Research and Public Health”.

Dalle interviste condotte su un campione di oltre 1500 soggetti, tutti maggiori di 18 anni d’età, la salute mentale, spiegano i ricercatori, “sembra essere un problema significativo”. In particolare, si  evidenziano  profili di fragilità tra le donne, i più giovani e tra coloro che hanno subito difficoltà economiche legate al lockdown. La notizia completa su Agi.it: https://www.agi.it/cronaca/news/2020-07-12/coronavirus-lockdown-disturbi-ansia-depressione-9126789/

L'articolo Lockdown “maledetto”, ansia e depressione per 3 italiani su quattro durante il Coronavirus proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.