Il rintocco delle diciotto? Per i titolari di bar, gelaterie, paninoteche e, in generale, per le attività che fanno somministrazione, privi di tavolini, sarà decisamente “fastidioso”. La chiusura vera e propria non c’è, restano consentiti asporto o consegne a domicilio. Così prevede il nuovo Dpcm del Governo Conte, valido sino al prossimo 13 novembre. E, a Cagliari, chi si troverà davanti a un quasi certo calo di affari saranno, da oggi, “i titolari delle paninoteche, i ‘caddozzoni’ e, anche, chi vende pizzette al taglio. Se è vietato il consumo del cibo nelle adiacenze delle attività commerciali, in tanti potrebbero non andarci”, osserva Marco Medda, presidente provinciale di Confesercenti, che prevede una “mazzata per queste attività. Chi non ha tavolini resta tagliato fuori proprio nella fascia oraria dove la gente, solitamente, mangia”. E, effettivamente, i camion bar del Poetto, giusto per fare un esempio, non hanno sedie o tavoli. Medda lancia un appello al Comune: “Bisogna verificare bene tutte le possibilità e consentire, vista la situazione straordinaria, di far mettere tavolini a tutti quei commercianti che non hanno la concessione”. 

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.