Lo stato di emergenza, in scadenza il 31 dicembre, sarà prorogato di altri tre mesi, fino al 31 marzo. Secondo fonti di governo, il premier Mario Draghi L’accelerazione è stata decisa da Mario Draghi, che ha così voluto dare un chiaro segnale sulle priorità relative alla situazione della pandemia, avrebbe preso questa decisione per affrontare la nuova ondata della pandemia e la diffusione della variante Omicron. Fra domani e mercoledì si terrà un consiglio dei ministri per decidere sul provvedimento e varare un nuovo decreto per estendere la cornice normativa all’interno della quale dichiarare lo stato di eccezione per contrastare la pandemia.

L’attuale stato di emergenza, varato con la legge del Governo Conte 2, in scadenza il 31 dicembre, è valido fino al 31 gennaio. Per estenderlo servirà una nuova legge.

Con la proroga dello stato di emergenza il governo potrà continuare a ricorrere ai Dpcm, decreti che non devono ricevere l’approvazione parlamentare, e le Regioni alle ordinanze, che dovranno comunque essere condivise con Roma.  Resta dunque in funzione la cosiddetta cabina di regia con i governatori,  il commissario straordinario per l’emergenza e il comitato tecnico scientifico, istituito il 5 febbraio 2020 con ordinanza del ministero della Salute. Con la proroga non cambierebbero nemmeno le regole sullo smart working o sulle procedure sulle restrizioni.

 

L'articolo Lo stato di emergenza per il Covid prorogato fino a marzo, domani o mercoledì l’ok dal governo proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.