Lo scienziato Giovanni Sotgiu a Radio Casteddu: “Contagi in aumento, Sardegna a rischio zona arancione. Purtroppo questa era la previsione”, racconta il noto epidemiologo, “nel momento in cui a dicembre tra i social si parlava di feste si è pensato subito a un incremento del numero dei contagi. Superate le feste ci si è trovati di fronte a un incremento dei contagiati e dei ricoverati, compresi quelli in terapia intensiva.

Il numero dei contagi”, aggiunge, “ha fatto ripartire la curva e ora ci può essere una trasmissione verso una fascia diversa da quella gialla.

Le restrizione hanno avuto i loto effetti, hanno calmierato la situazione e senza queste ci sarebbero stati numeri più rilevanti. La variante inglese del virus è nata da una zona in lockdown.

La luce in fondo al tunnel si intravede con le vaccinazioni, quando ci troviamo davanti a un virus che muta considerevolmente il problema è sempre vivo e finché ha vita il problema esiste ed è importante. Capisco la stanchezza, ma se non affrontiamo il virus tutti insieme la situazione può sfuggire di mano. Ora abbiamo il vaccino e ma non aver la possibilità di distribuirlo è un problema, serve che tutti si vaccinino. L’immunità di gregge arriverà con la somministrazione all’80 % della popolazione. Prima di allora occorre rispettare tutte le misure di controllo dell’infezione”.

 

Risentite qui l’intervista aGiovanni Sotgiu del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu https://www.facebook.com/castedduonline/videos/393006331994165/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.