“Chiedo ancora una volta che l’assessorato regionale dell’urbanistica si adoperi affinché le attività balneari possano esercitare serenamente la loro attività e chiudere una stagione già azzoppata, senza il rischio di incorrere in sanzioni generate dal caos normativo, di cui non hanno alcuna responsabilità”. Lo ha detto il Consigliere regionale dei Riformatori Michele Cossa a margine dell’incontro con alcuni rappresentanti di stabilimenti balneari del litorale di Quartu.
Molti Comuni non sono stati in grado di approvare il Piano di utilizzo del litorale, la Regione ha garantito l’approvazione di una direttiva tesa a superare il problema della mancata approvazione dei Pul e assicurare il proseguo delle attività. Ad oggi tuttavia, secondo quanto riferito dai titolari degli stabilimenti, non sarebbe stato compiuto alcun passo in avanti. Da qui la protesta dei titolari degli stabilimenti e la richiesta di sostegno indirizzata al Consigliere che in più occasioni si è occupato del problema.
“Oggi mi è stata rappresentata una situazione di incertezza che preoccupa i titolari delle attività, ancora una volta ostaggio della burocrazia. Considero inaccettabile che cavilli e lentezze della politica frenino il lavoro dei titolari degli stabilimenti il cui unico introito deriva proprio dall’attività turistica”, ha concluso Cossa.

L'articolo Litorale di Quartu ostaggio della burocrazia, Cossa: “Tutelare gli stabilimenti del Poetto” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.