Il direttore artistico Puddu citato tra i presenti al pranzo di Sardara. Esplode la polemica la Teatro Lirico di Cagliari. Il sindacato Usb Lavoro Privato esprime nuovamente forte preoccupazione in seguito a quanto appreso domenica 18 Aprile, in merito agli sviluppi legati alla recente nomina di Luigi Puddu alla direzione artistica della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari.Già il 24 Febbraio scorso, Usb aveva invocato “quel principio di trasparenza amministrativa che sempre dovrebbe guidare l’iter gestionale della Fondazione, ente a partecipazione pubblica che riceve finanziamenti statali, attenendosi a precise regole di trasparenza e liceità. In virtù di tali principi aveva chiesto al CdI che venissero posti in atto strumenti di verifica che sgombrassero il campo da ogni ragionevole dubbio in merito alla nomina, a partire dalle obiezioni sollevate dal rappresentante del Ministero in seno al Consiglio. Da ultimo aveva suggerito come strada maestra l’avviso pubblico di più manifestazioni di interesse. Il comunicato sindacale USB era caduto nel vuoto. Oggi la Fondazione Teatro Lirico di Cagliari sale agli onori della cronaca non per i suoi spettacoli, ma per la presenza, che parrebbe confermata dai testimoni secondo quanto riportato dalla stampa, del suo Direttore Artistico al tristemente noto pranzo di politici ed imprenditori presso le Terme di Sardara nei giorni scorsi. USB chiede immediati chiarimenti al CdI e una valutazione seria della questione che si sta configurando come vergognosa ed inaccettabile, anche prendendo in esame il solo aspetto socio-politico. Il suo comportamento potrebbe anche aver avuto potenziali conseguenze in azienda, sotto il profilo della sicurezza sanitaria.Alla persona Luigi Puddu si chiede un passo indietro, prendendo spunto dal titolo dell’articolo apparso su L’Unione Sarda di domenica 18 aprile 2021: “Ho sbagliato e rimetto il mio mandato”.La Scrivente può affermare, dopo più di un anno sotto la guida dell’attuale Sovrintendente, di non avere un manager dalla solida formazione amministrativa, ma sicuramente un musicista d’esperienza, in grado di varare una programmazione artistica consona ad una Fondazione. Ci si domanda quindi se la nomina di un Direttore artistico sia stata una scelta davvero necessaria o piuttosto un piegarsi a “dettami politici” dei quali il nostro Teatro è stato spesso ostaggio in passato.Il paese sta attraversando un periodo drammatico e con esso la nostra Fondazione, che deve comunque essere in grado di assolvere nel migliore dei modi al suo importante servizio “sociale” e alla sua mission statutaria. Un Teatro Pubblico e dei Cittadini, ha bisogno di una Direzione Aziendale trasparente e competente, che deve avere come primo inderogabile obiettivo la garanzia della legalità nella sua azione”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.