Incontri con vertici libici, Dbeibah e Menfi

(ANSA) - ROMA, 04 APR - Un segnale forte di sostegno europeo al processo di riconciliazione nazionale e al nuovo governo di unità nazionale è stato portato oggi alla Libia dal presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, che - fanno sapere fonti dell'Ue - in una visita a Tripoli ha incontrato il premier del governo di unità nazionale (Gnu), Abdul Hamid Dbeibah, il nuovo presidente di turno del Consiglio presidenziale, Mohamed Yunis al Menfi, e la ministra degli esteri libica, Najla Al Mangoush.

Michel, dicono le fonti, ha annunciato che l'ambasciatore dell'Unione europea tornerà permanentemente a Tripoli a partire da fine aprile.

Nella prima visita ufficiale di un leader dell'Ue da quando si è formato il governo di unità nazionale, Michel ha promesso che l'Europa intensificherà il suo impegno in Libia sul fronte della ricostruzione economica, dopo un decennio di conflitto, e contribuirà alla governance, alla stabilità, al rispetto dei diritti umani e alla sicurezza in Libia.

Come unica precondizione - fanno sapere ancora le fonti Ue - Michel ha chiesto che i combattenti stranieri lascino la Libia, definendo cruciali per la pace il rispetto del cessate-il-fuoco e dell'embargo sulle armi.

Nei giorni scorsi il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha compiuto una visita a Tripoli e in aprile ci sarà quella del presidente del Consiglio Mario Draghi. In programma anche la visita del premier greco, Kyriakos Mitsotakis. La Francia ha riaperto la sua ambasciata a Tripoli il mese scorso. (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.