A Cagliari la rabbia delle partite Iva, stremate e senza soldi. In piazza dei Centomila, alla manifestazione organizzata dal l’imprenditore Fabio Macciò, in tanti hanno deciso di venire da ogni angolo della Sardegna: Cagliari, Pula, Terralba, Oristano, Sinnai, Castelsardo. Baristi, ristoratori, chef, camerieri, fietisti e giostrai. Tutti uniti nel chiedere una “ripartenza immediata” dopo oltre un anno tra stop e apri e chiudi. I cartelli sono sin troppo chiari’ “Siamo baristi, non assassini. Fate dei protocolli chiari per farci riaprire subito”, “Se dopo un anno siamo ancora rossi avete chiuso le attività sbagliate”, “Lasciate fare i protocolli a chi è del mestiere”. Nel palco allestito davanti al Nautico devono parlare circa una ventina di persone.Si tratta di lavoratori fermi da mesi, in alcuni casi da un anno. La rabbia è tanta e, anche alla luce delle riaperture annunciate dal premier Mario Draghi, in tanti chiedono una ripartenza immediata e uno stop alla “colorazione” delle Regioni.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.