Una cosa è certa: viale Marconi, sia a Cagliari sia a Quartu, la notte è più buia che illuminata. Le luci accese non sono la maggioranza, e nel nuovo viale a senso unico la voglia di correre non è passata. Sabato scorso l’ultimo incidente: due ragazzine falciate sulle strisce, stando ai riscontri della polizia Locale, ma con la guidatrice della Renault che giura: “Erano le strisce pedonali vecchie e cancellate, quelle nuove erano dietro la mia auto”.  Le due ragazzine sono ancora gravi, la speranza di tutti è che si salvino. Ma gli incidenti stradali, nelle vie più lunghe e trafficate del capoluogo sardo, sono ancora troppi. E proprio sul viale Marconi i tempi per la rivoluzione finale all’insegna della tanto, sinora annunciata, sicurezza, non si prospettano brevi: “Abbiamo asfaltato le strade, disastrose, di mezza Cagliari. Nessuno ha mai scritto che bisogna avere pazienza, meglio i disagi per un giorno di lavori e vent’anni di sicurezza”, dice l’assessore comunale al Traffico, Alessio Mereu. Che sul viale Marconi non fornisce date certe della fine di un secondo lotto di lavori ancora tutto da progettare: “Rifaremo tutto, dai sottoservizi all’illuminazione”. Date? “Non sappiamo nulla perchè c’è prima il progetto definitivo e poi la gara, sul senso unico dobbiamo ragionarci quando ci sarà il secondo lotto. La lampada dove è avvenuto l’incidente di sabato era accesa, sicuramente qualcun altra sarà spenta, ma non in quel punto”. Ma il viale, appunto, è lunghissimo, e per la maggior parte al buio: “Sull’ultimo incidente ci son indagini, auguro alle due ragazze di guarire il prima possibile. Dove abbiamo fatto l’asfalto tutto nuovo abbiamo anche rifatto la segnaletica. E i due attraversamenti rialzati li abbiamo messi anche se non c’erano nel vecchio progetto, ci siamo resi conto che nel viale Marconi allargato la gente si lancia”. In auto, ovviamente: “Altri attraversamenti rialzati? Li faremo, se avessimo dato retta ad alcuni non ne avremmo fatto nemmeno uno”. E Mereu fa l’elenco delle strade con le nuove strisce pedonali: “Via Is Cornalias, via Sonnino dopo l’asfalto nuovo, di fronte al Conservatorio di Musica e all’incrocio tra via Bacaredda e via San Rocco. A Cagliari ci sono interventi continui anche per la segnaletica, c’è molta attenzione a causa di questi incidenti”.E sulla via Cadello dove, appena due settimane fa, un bimbo è stato ucciso? Si corre molto anche lì: “È stato investito sulle strisce da un motociclista arrivato come un missile. È come dire: perchè non mettete il limite a trenta chilometri orari? Se uno corre a 120 non si ferma perchè c’è il cartello. Se gli attraversamenti rialzati ci fossero in tutta la città avremmo qualche problema in meno”. E, tornando sul viale Marconi, i problemi non mancano nemmeno a Quartu: “Siamo in attesa dei primi riscontri progettuali per la nostra città e per Quartucciu. Vogliamo percorsi ciclopedonali, la possibilità di poter riadattare il viale per rafforzare il trasporto pubblico. Anche da noi ci son problemi legati a illuminazione, attraversamenti e percorsi non in sicurezza. Potremo realizzare o attraversamenti rialzati o mettere i semafori a chiamata”. Ma, anche qui, tempi incerti: “Attendiamo sviluppi dalla Città Metropolitana, entro venti giorni contiamo di avere i primi progetto per farci un’idea. Di sicuro dobbiamo appaltare entro l’anno, perchè i fondi vanno in scadenza. Per noi viale Marconi è un’arteria fondamentale”. Ma al buio, quasi tutta, dalla sera all’alba.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.