“Ci siamo incontrati di nuovo dopo trent’anni, quattro anni fa”. A dirlo, pochi secondi prima di partire con la video intervista, è Luciano Depau. La persona della quale parla è Patrizia Perra: da quattro anni stavano insieme, e in quel “maledetto” lunedì sera lui l’ha vista sino a pochi minuti prima che quel pezzo di carne le restasse bloccato in gola, portandola alla morte: “Eravamo insieme sino a mezz’ora prima. Sono sceso, dovevo portare una cosa, poi sono andato a casa e lei è rimasta nell’appartamento di via Colomba Antonietti “perchè doveva vedere la madre”. Meglio, seguirla: la 54enne, da tempo, si stava prendendo cura della donna, anziana. “Era altruista, bravissima, una donna con tanto amore e che aveva ancora tanto amore da dare. Le cose succedono, purtroppo”, afferma Depau, pochi minuti prima dell’inizio del funerale.

“Di solito non mangiava neanche di sera, o mangiava pochissimo”. Due sere fa, invece, Patrizia Perra ha deciso di cenare con un po’ di carne. Poi, il dramma, “la tragedia”, come dice Depau a un conoscente della donna che si avvicina a lui per porgergli le condoglianze. La richiesta di aiuto fatta a un vicino di casa, l’arrivo delle ambulanze, il grande impegno dei soccorritori e il trasporto, purtroppo inutile, al Brotzu. Luciano Depau, prima di entrare dentro la chiesa di San Gregorio Magno, lo conferma un’altra volta: “La cosa più grande che aveva Patrizia? Il cuore, d’oro”.

L'articolo Le lacrime di Luciano, compagno di Patrizia Perra: “Eravamo insieme sino a mezz’ora prima che morisse” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.