Le ceramiche di Mauro Podda per il benvenuti a Villaurbana
La nuova installazione artistica è un omaggio alle donne e simbolo di speranza

Le due statue all’ingresso del paese – Foto Paolo Pireddu

All’ingresso di Villaurbana, venendo da Siamanna, si mostrano nella loro grazia e compostezza le statue di due donne: una mostra una cesta con il pane – simbolo del paese e della sua tradizione – e un’altra porta in testa una brocca in terracotta.

Si tratta della nuova installazione artistica, inaugurata lo sabato scorso con una semplice e riservata cerimonia, fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Villaurbana. L’opera, totalmente in ceramica, è stata realizzata da Mauro Podda, supportato dalla consulenza e collaborazione tecnica di Angela Regina, Sonia Zoccheddu e Antonello Atzori: tutti e tre artisti della cooperativa CMA di Oristano.

“L’opera vuole essere un omaggio alle nostre donne”, dice il sindaco Paolo Pireddu, “autentiche custodi della memoria e storia di questo paese, che con il loro duro e silenzioso lavoro hanno permesso a noi oggi di portare in alto, con orgoglio e fierezza, il nome di Villaurbana e il suo fiore all’occhiello: il pane”.

“Ma guardiamo anche al futuro”, aggiunge sempre il primo cittadino Pireddu: “quest’opera deve essere, allo stesso tempo, anche un simbolo di speranza per un più veloce e incisivo processo di totale emancipazione della donna, nella sua più intima essenza, che deve poter realizzare ogni ambizione e aspirazione, nel più completo rispetto della propria dignità e individualità”.

Paolo Pireddu, sindaco di Villaurbana – Foto Giovanna Fenu

“Il progetto iniziale, nato nel 2016, non prevedeva l’uso della ceramica”, aggiunge Paolo Pireddu, “ma l’incontro con i due artisti Podda e Zoccheddu durante la Sagra del pane nel 2019 è stato decisivo. Ci siamo affidati a loro per quanto riguarda l’uso della ceramica, e seguendo la nostra idea i tre artisti sono riusciti dopo un anno di lavoro a dare vita a questa installazione artistica: un capolavoro. Si è rivelata la scelta giusta: la lavorazione della ceramica e la bravura degli artisti dà quel senso di movimento e di naturalezza ai vestiti e ai gesti delle due donne che la rendono ancora più realistica”.

Oltre che alle poerte di Villaurbana, l’arte trova spazio anche nella parte alta del paese, dove si trova la scuola media “Antioco Zucca”. Guidati da un’artista locale, le studentesse e gli studenti stanno in questi giorni realizzando i bozzetti di un dipinto, più precisamente un’opera legata alla street art. Entro due settimane circa sarà conclusa.

“L’idea”, spiega sempre il sindaco Paolo Pireddu, “è quella di veicolare tramite l’arte non solo le nostre tradizioni locali ma anche stimoli per i più giovani verso la conoscenza e la cultura a tutto tondo”.

E sul tema delle tradizioni, si conferma infine l’idea di poter organizzare per fine ottobre la tanto attesa Sagra del pane. “Tutto dipenderà da come andrà quest’estate”, conclude il sindaco Pireddu, “in base all’andamento dei contagi. Speriamo di poter organizzare la nostra abituale manifestazione e di poterla vivere in totale sicurezza”.

Il retro dell’installazione artistica – Foto Paolo Pireddu

Venerdì, 11 giugno 2021

 

 

L'articolo Le ceramiche di Mauro Podda per il benvenuto a Villaurbana sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.