“È pazzesco che l’azienda che gestisce l’appalto abbia innalzato un muro di fronte alle richieste legittime di lavoratrici e organizzazioni sindacali, su orario e organizzazione. Anche il soggetto committente, l’Arnas Brotzu appare latitante. Richiamo ancora una volta l’attenzione dell’assessore regionale alla sanità Mario Nieddu e mi appello alla sensibilità del Direttore generale, la dottoressa Agnese Foddis”.

Lo ha detto la presidente della commissione Lavoro della Camera Romina Mura (Pd) oggi a Cagliari, partecipando alla manifestazione dei lavoratori e delle lavoratrici dell’azienda ospedaliera “G. Brotzu”, a seguito del mancato rispetto dell’accordo sottoscritto il 22 aprile scorso, che ha avuto tra le conseguenze l’impossibilità di conciliare i tempi di vita e lavoro.

“Da donne con ruoli di responsabilità – ha aggiunto la deputata – non possiamo permettere che le lavoratrici siano costrette a scegliere fra lavoro e famiglia e siano esposte a intollerabili situazioni di discriminazione indiretta”.

L'articolo Lavoratrici del Brotzu in sciopero a Cagliari, Mura: “Costrette a scegliere tra lavoro e famiglia, pazzesco” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.