Macomer

L’assemblea dei soci del Consorzio ha approvato la modifica del disciplinare. Ora si attende il via libera dal Ministero

Gli allevatori che vorranno continuare a conferire latte da destinare al Pecorino Romano Dop dovranno riconvertire entro i prossimi sette anni i propri allevamenti, nel caso in cui allevino ovini di razze non tradizionali. È quanto deciso dall’assemblea dei soci del Consorzio di tutela del Pecorino Romano, che ha stabilito le nuove regole del disciplinare di produzione. Tra le varie prescrizioni, le regole prevedono la lista delle razze ammesse alla produzione del latte destinato alla Dop. L’assemblea dei soci ha votato all’unanimità dei presenti, in rappresentanza del 90% dei produttori.

Nei prossimi giorni sarà organizzata una riunione con l’Assessorato regionale dell’Agricoltura e le agenzie Laore e Agris per mettere a punto gli aspetti logistici, organizzare lo screening degli allevamenti e pianificare le procedure.

Gli allevatori che decideranno di non riconvertire i propri allevamenti, alla scadenza dei sette anni dalla pubblicazione del disciplinare non potranno più destinare il latte delle loro pecore alla produzione di Pecorino Romano Dop.

Le razze ammesse, in base a quanto deciso dall’assemblea consortile e inserite nel disciplinare di produzione, sono: Razza Sarda, compresa la sub-popolazione Nera di Arbus, Razza Vissana, Razza Sopravissana, Razza Comisana, Razza Massese, Razza Pecora dell’Amiata.

“L’assemblea ha trovato una soluzione condivisa da tutti i presenti e che fa sintesi fra le diverse posizioni”, sottolinea il presidente del Consorzio Gianni Maoddi. “I sette anni previsti per la riconversione assicurano a tutti gli operatori il tempo necessario per organizzarsi, in primo luogo agli allevatori”.

La decisione dell’assemblea, che si è tenuta sulla piattaforma Zoom a causa della recrudescenza della pandemia, sarà ora sottoposta al vaglio del Ministero, con cui sarà immediatamente avviata l’interlocuzione. Sarà proprio il Ministero delle Politiche agricole a dire l’ultima parola sul nuovo disciplinare.

Mercoledì, 12 gennaio 2022

Grazie per aver letto questo articolo. Se vuoi commentarlo, accedi al sito o registrati qui sotto. Se, invece, vuoi inviarci un’informazione, una segnalazione, una foto o un video, puoi utilizzare il numero Whatsapp 331 480 0392, o l’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.