Auto svaligiata in piena notte in via San Sebastiano a Elmas, e oltre al danno del finestrino spaccato bisogna pure sommare la tanta merce rubata. La vittima, Alfredo Olla, commerciante, si è ritrovato con l’amara sorpresa sotto casa due giorni fa. E, sdegnato, ha deciso di rendere tutto pubblico su Facebook, con tanto di video: “In via San Sebastiano a Elmas, nel giorno che coincide proprio con la festa del patrono, alcuni delinquenti, perché questo sono, hanno rotto il finestrino dell’auto e l’hanno vuotata di un carico di merce comprata a sacrificio per una attività commerciale. Per noi tempo perso a fare gli acquisti, soldi persi e il danno alla macchina”, dice Olla.Che ammonisce subito eventuali “leoni da tastiera”: “Evitate commenti imbecilli tipo ‘perché hai lasciato la merce in macchina’ ‘la colpa è tua’. È solo per chiedere se qualcuno ha visto qualcosa si faccia sentire. Poi per far sapere a tutti gli abitanti di Elmas che oggi è capitato a me ieri ad un altro e domani pure. Chiunque ha mezzi parcheggiati in strada è a rischio, perché questi maledetti non risparmiano niente e nessuno. Sono già stato vittima del furto di un pezzo del furgone fatto in pieno giorno e a regola d’arte, sicuramente furto su commissione. Cerco solo solidarietà nel vigilare tutti per il bene di tutti. Denunciare in caserma non serve, non ci sono telecamere, per questo ripeto chi ha visto parli così si può fare denuncia, il resto è tempo perso”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.