La Torre di Marceddì aperta virtualmente al pubblico. Un evento online promosso dal Comune di Terralba e Medsea
Hanno collaborato il Fai Oristano e Yallers Sardegna

Torre di Marceddi – Foto Fondazione MEDSEA

Il Comune di Terralba e la Fondazione Medsea organizzano un appuntamento online dalla Torre di Marceddì, in programma domani per promuovere la Giornata Mondiale delle Zone Umide che si è celebrata il 2 febbraio. L’appuntamento rientra tra le iniziative del progetto di destinazione per la tutela e gestione integrata delle zone umide dell’Oristanese “Maristanis”.

Per la prima volta, domani pomeriggio, dalle 15.30 alle 16.30, la Torre di Marceddì, recentemente ristrutturata e inserita tra i luoghi del cuore del Fai dell’anno, verrà aperta virtualmente al pubblico. Hanno collaborato all’iniziativa il Fai Oristano e Yallers Sardegna.

Saranno presenti il sindaco di Terralba Sandro Pili e l’assessore alla Cultura Giulia Maria Elena Carta, le referenti del comitato luogo del cuore Fai, Manuela Fa e Patrizia Carta, e l’architetto che ha lavorato al restauro della Torre, Pierpaolo Perra. Inviati speciali, gli Yallers Sardegna, con la partecipazione della referente Giulia Manca, che racconteranno in diretta la Torre e gli stagni della laguna di Marceddì. L’evento sarà visibile in diretta sulla pagina Facebook Maristanis e sulla pagina pubblica-istituzionale del sindaco.

Venerdì, 12 febbraio 2021

L'articolo La Torre di Marceddì aperta virtualmente al pubblico: visite on line sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.