Oristano

L’iniziativa di un gruppo di ciclisti appartenenti alla polizia penitenziaria

Tappa oristanese per la Torcia della pace, arrivata ieri in Sardegna dopo  centinaia di chilometri.

Un gruppo di ciclisti amatoriali del Corpo di polizia penitenziaria è partito lo scorso 8 gennaio dal carcere di Opera di Milano e dopo aver raggiunto la Liguria ieri è  sbarcato a Porto Torres.

La torcia è quindi arrivata in Sardegna nelle mani di Bernardo Sanfilippo, il marito di Angela Chiaramonte, una delle sei donne vittime dell’alluvione di Genova del 4 novembre 2011, e Graziano Cardinale. A loro si sono uniti gli agenti Sebastiano Congiu e Sebastiano Casula.

In terra sarda è proseguitò così il percorso della Torcia della pace con il quale la polizia penitenziaria vuole diffondere un messaggio di pace e fratellanza fra le persone, promuovendo lo spirito e l’impegno che ogni essere umano deve profondere per migliorare i rapporti fra la collettività.

“Oggi la Torcia  della pace ha fatto tappa in provincia di Oristano – dice Luca Fais, commissario capo della polizia penitenziaria – . Abbiamo raggiunto la chiesa di San Costantino a Siamaggiore e fatto prima tappa alla chiesa di Nostra Signora di Bonacattu per arrivare poco dopo le 13 al Duomo  di Oristano.  I nostri colleghi ripartiranno quindi per Belvì con arrivo alla cattedrale di Bonaria a Cagliari. La tappa  sarda si concluderà ad Olbia. Lì  la torcia verrà imbarcata per la Toscana e proseguirà il suo viaggio nella Penisola”.

Siamaggiore Torcia della pace ciclisti polizia penitenziaria
Bonarcado Torcia della pace ciclisti polizia penitenziaria

Sabato, 29 gennaio 2022

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.