È stata derisa e presa in giro per anni, principalmente dai suoi compagni di classe: “Insulti e anche sputi, prese in giro perchè dicevano che non potessi comprarmi vestiti di marca. Per loro ero una sorta di nullità”. Le parole di Martina Murenu risalgono all’anno scorso, quando ha deciso di uscire allo scoperto e raccontare di essere stata vittima, per molti anni, di bullismo. A oltre un anno di distanza, la sua vita è ulteriormente cambiata: “È migliorata, mi sono liberata da un nemico che non mi apparteneva, il bullismo: oggi le persone mi cercano per parlarmi dei loro problemi, per cercare un riscatto”. Lei, nota youtuber sarda, 27 anni, di Barrali, è famosa per i suoi video ironici e che non possono non strappare un sorriso. E, dopo essere uscita allo scoperto, confessa di aver ricevuto molte richieste di aiuto: “Il bullismo non va mai in vacanza, ci sono ragazzi che mi hanno raccontato di essere stati derisi e bullizzati per l’aspetto fisico ma anche per piccolezze, perchè magari hanno l’erre moscia. Nessuno di noi è perfetto e nessuno di noi va giudicato”, afferma, decisa, la Murenu.Che dispensa, ovviamente, consigli a chi vede in lei un possibile appiglio: “A tutti dico di parlarne sempre, anche con gli specialisti. L’unico messaggio è quello di non arrendersi mai, di non buttarsi giù”. E, tra lockdown e restrizioni, la Murenu riconosce che le offese e le prese in giro “pesanti” si sono spostate anche sui social: “Soprattutto. Lì la gente ci passa tanto tempo”, e i bulli “sanno benissimo che possono trovare lì le loro prede”. E spaventa, stando alle sue parole, anche l’età di alcune vittime: “Hanno 11 e dodici anni”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.