No, non è stato solo l’effetto di un giorno. La protesta di tanti parrucchieri ed estetisti sardi va avanti. Nonostante la zona rossa e il divieto di aprire, c’è ancora chi sta tenendo sollevata la sua serranda. Alessia Desogus, 41 anni, ha un salone a Pirri: “Da cinque anni. Ho deciso di aprire perchè non posso continuare a tenere la mia attività commerciale chiusa, ho tante spese. Devo vivere”, dice, decisa, la Desogus. “Ho una collaboratrice, i ristori sono arrivati solo per il primo lockdown e, comunque, sono stati assolutamente insufficienti per sostenere le tante uscite. Sono riuscita a non indebitarmi”, e in tempi di crisi nera è già un miracolo. Ma il timore è di doverlo presto fare: “Se restassi ancora chiusa, sarebbe il minimo, non lo voglio. E non voglio nemmeno sopravvivere andando a lavorare nelle case, molti miei colleghi lo fanno”. Sinora, non ha ancora effettuato nessun taglio o piega: “Ma ho già delle clienti che mi hanno detto di essere disposte a venire, visto che sono aperta. Insomma, sono pronte ad accomodarsi nel mio salone”, prosegue la parrucchiera.E la paura delle multe? “Lo so che rischio, ma preferisco prendermela facendo valere i miei diritti”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.