Le sedie sono desolatamente vuote, e sono destinate a restare così, almeno, sino al prossimo sei aprile. Con Pasqua e Pasquetta già messe nell’elenco delle “restrizioni”, i conti, ormai, non tornano più. E Giuseppe Mereu, 58enne asseminese, da diciotto alla guida di un agriturismo ad Assemini, ha deciso di dire basta: “Mollo tutto e me ne vado a Tenerife, con la mia famiglia. Anche mia moglie se ne vuole andare. Voglio fuggire, darò il locale in gestione ad altri, e mi piange già il cuore”. Le lacrime, idealmente, scorrono già dal suo portafoglio: “Ho già perso Natale e Capodanno, l’ultima Pasquetta nella quale ho lavorato è stata quella di due anni fa. Allora avevo avuto oltre quattrocento clienti. Come posso andare avanti? Il personale è tornato al lavoro da poco, appena due settimane, mi salvo un po’ con l’affitto delle camere ma qui, comunque, si lavora solo il sabato e la domenica”.Insomma, i conti non tornano più, e le valigie sono quasi pronte: “Le feste mi servono, lavorativamente parlando, per andare avanti nei mesi bui, troppi, che sto passando. Ossigeno, in altre parole”, puntualizza Mereu. “Devo anche pagare per un abuso edilizio: avevo realizzato alcune opere ma, poi, il Comune mi ha ha denunciato. Si tratta di almeno 20-30 mila euro di multa”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.