La Sardegna, da oggi, è nuovamente in zona gialla. Sedici giorni fa la “condanna” alla zona arancione, durata due settimane e tre domeniche consecutive. Bar e ristoranti possono riaprire normalmente sino alle diciotto, poi scatteranno domicilio o asporto (quest’ultima opzione solo per i ristoranti) e cade il divieto di spostamento tra Comuni diversi. Queste le concessioni previste dalla zona gialla, che vanno comunque a mischiarsi con le regole dell’ultimo Dpcm, valido sino al prossimo cinque marzo. Vale a dire: palestre e piscine rimangono chiuse, sarà possibile andare in case di parenti e amici solo una volta al giorno e in non più di 2 persone più minori sino a 14 anni e coprifuoco dalle ventidue alle cinque. Chi sarà fermato dalle Forze dell’ordine in quelle ore dovrà avere una valida motivazione (lavoro o salute) per essere fuori dalla propria abitazione. In caso contrario, scatterà la multa.Fondamentale, per il ritorno in zona gialla, sono stati i dati, in netto calo, dei posti letto occupati in terapie intensive e reparti normali, oltre all’indice Rt, sceso nell’ultima rilevazione a 0,75.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.