La rete pedagogica sarda si mobilita nell’emergenza coronavirus
Servizio gratuito con un team di esperti per famiglie, ragazzi, docenti e caregiver 

Anche la rete pedagogica sarda sostiene chi ha più bisogno in questo momento di difficoltà dovuto all’emergenza sanitaria da coronavirus. La Regione Sardegna ha creato infatti una rete di esperti del settore per offrire un servizio di supporto pedagogico – totalmente gratuito – a chiunque lo richieda.

La rete, composta da pedagogisti, sarà a disposizione delle famiglie, dei ragazzi e dei docenti con diversi servizi: dalla gestione della didattica online al counseling pedagogico; DSA e BES; organizzazione di laboratori creativi; servizio di sostegno alla disabilità intellettiva e agli utenti psichiatrici; sostegno alla genitorialità e alla gestione dei conflitti; supporto dei caregiver con malati affetti da Alzheimer; assistenza per la legge 104/92 e la 162/98.

Per ulteriori informazioni o conoscere con maggiori dettagli i servizi messi a disposizione dalla rete pedagogica sarda, si può scrivere all’ indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Mercoledì, 15 aprile 2020

L'articolo La rete pedagogica sarda si mobilita nell’emergenza coronavirus sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.