Una preghiera bis, a un anno esatto dalla prima, per invocare la liberazione dal Covid. A farla, pubblicamente su Facebook, è Anna Loriga, infermiera del Santissima Trinità di Cagliari, la prima infermiera ad accogliere il primo paziente positivo oltre un anno fa. Il primo maggio 2020 aveva scritto una lettera, a 365 giorni esatti di distanza la ripropone su Facebook. Con, a contorno, una quella che è una preghiera rivolta al martire guerriero.“L’anno scorso quando scrissi quest’invocazione a Sant’Efisio gloriosu speravo che quest’anno sarebbe stato un tragico ricordo. Oggi ti invoco di nuovo caro Efisietto, con il cuore sempre più trepidante e colmo di Fede: ‘Amatissimo Sant’Efisio rivolgiamo a te la preghiera per che nel 1656 hai liberato Cagliari dalla peste, in segno della nostra devozione. In questo tempo siamo afflitti da una malattia che ha portato sconforto. Aiutaci Sant’Efisio a tenere viva la speranza, aiuta di a sconfiggere questo male. Anche se il nostro volto e coperto, illumina i nostri occhi con la luce della speranza per dare sollievo a chi in questo momento soffre. Volgi il tuo Sguardo compassionevole alle nostre famiglie, che con amore ci supportano. Riporta fiducia in tutti coloro che invocano te ogni giorno con fede e trepidazione. Da tutti gli operatori sanitari del Ss. Trinità Cagliari degli altri presìdi della sanitari della Sardegna tutta”.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.