La pesca sostenibile arriva a tavola: un progetto per 15 aziende
Il Flag Pescando vuole fare rete con gli operatori della ristorazione locale

Creare sul territorio una rete di ristoranti etici e sostenibili. È questo l’obiettivo di un nuovo progetto proposto dall’associazione Flag Pescando – Sardegna Centro Occidentale, che ora è alla ricerca di 15 operatori (ristoranti ma anche agriturismo e ittiturismo) che lavorino all’interno del territorio del Flag e vogliano conoscere meglio questa idea.

Ai partecipanti verrà proposto un seminario di due giorni, a fine ottobre: appuntamento nella laguna di Nora, a Pula, in una struttura multifunzionale che comprende il Centro di educazione ambientale e il Centro recupero cetacei e tartarughe marine. Qui si cenerà e pranzerà nell’ittiturismo sostenibile “Fradis Minoris”, con terrazza sulla baia dell’antico approdo fenicio. Gli operatori della ristorazione e gli esperti avranno così modo di conoscersi, scambiare idee e punti di vista sull’impatto che le scelte imprenditoriali hanno sull’ambiente marino e redarre insieme quelle che saranno poi le regole condivise per far parte di questa rete.

“La creazione di una rete di ristoranti sostenibili”, spiega il direttore Mauro Tuzzolino, “inserita nell’ambito della campagna ‘Rispettando’ tra le strategie di sviluppo locale, è una delle diverse azioni che il Flag Pescando sta mettendo in campo per l’integrazione e la crescita del mondo della pesca del nostro territorio”.

Per il momento si metterà assieme un piccolo gruppo: “Partiremo con 15 operatori”, prosegue il direttore del Flag Pescando. “Non puntiamo in questo momento a grandi numeri, vogliamo prima creare un prototipo, vedere come può operare, e poi riproporlo ad ampio raggio”.

Il progetto offrirà formazione sul tema della sostenibilità. “Spiegheremo che cosa sia un ristorante etico”, prosegue il direttore Tuzzolino, “ma parleremo anche delle regole generali sulla sostenibilità, soprattutto nella pesca. E qui si inserisce anche la campagna “Informando”, che tratta temi quali le buone pratiche: non consumare pesci sotto taglia, preferire un pescato locale – il cosiddetto prodotto a chilometro zero – rispettare la stagionalità del pesce e non consumare le specie protette e quindi vietate”.

Il piano d’azione del Flag Pescando punta a formare sempre più delle reti d’impresa. “Si è partiti con dei progetti rivolti ai soli pescatori”, spiega sempre Mauro Tuzzolino, “poi si è passati all’alleanza tra loro e il settore turistico e ambientale, e ora la rete d’impresa si allarga a tutti i soggetti economici, e quindi anche agli operatori della ristorazione”.

Mauro Tuzzolino

“Le persone alle quali abbiamo proposto quest’ultimo progetto”, conclude Tuzzolino, “da subito si sono mostrati favorevoli all’idea, vista come una nuova opportunità di crescita in un momento difficile. Il progetto di rete può esser visto, in questo senso, anche come occasione di confronto e stimolo per nuove idee”.

Per partecipare al progetto “La rete dei ristoranti sostenibili” è necessario compilare il modulo scaricabile dal sito del Flag Pescando e inviarlo entro il 13 ottobre all’indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. La partecipazione è riservata ai primi 15 che prenoteranno; potrà partecipare soltanto un rappresentante per ogni attività.

Il Flag Pescando. L’associazione Flag Pescando Sardegna Centro Occidentale si è costituita nel settembre 2016 come gruppo di azione locale nel settore della pesca (in inglese Fisheries Local Action Group – Flag). Ha il compito di progettare e realizzare interventi concreti per il miglioramento del settore della pesca e dei settori ad essa connessi nel territorio di riferimento, attraverso un approccio di sviluppo locale di tipo partecipativo. L’associazione è sostenuta dalla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito della Priorità 4 del PO FEAMP (Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e per la Pesca).

L’ambito territoriale del Flag Pescando comprende 15 comuni: Arborea, Arbus, Baratili San Pietro, Cabras, Cuglieri, Guspini, Marrubiu, Narbolia, Nurachi, Oristano, Palmas Arborea, Riola Sardo, San Vero Milis, Santa Giusta e Terralba.

Venerdì, 9 ottobre 2020

L'articolo La pesca sostenibile arriva a tavola: un progetto per 15 aziende sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sardegna News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

Pizzeria da Birillo

Radio Fusion