Una sorpresa amarissima e una denuncia chiara: “Vogliamo sapere chi è stato”. Federico Cireddu, 35 anni, e la sua compagna Agostina Caddeo, di quarantadue, serramanesi, si sarebbero dovuti trasferire nella loro nuova abitazione la settimana prossima, in via Serrenti a Serramanna. Ieri, però, lo choc: il giovane l’ha trovata distrutta da un incendio. “Era la casa che mi ha lasciato in eredità papà. Avevamo il nostro progetto di vita, avevamo già acquistato pannelli solari e messo l’impianto elettrico, con tanti sacrifici. Io sto aiutando un mio amico col bestiame, a causa della crisi c’è pochissimo lavoro”, racconta Cireddu. “Qualcuno l’ha data alle fiamme”, afferma, deciso, il trentacinquenne. Ieri, appunto, la scoperta choc: “I danni ammontano, tra cucina, mobili e tutta la casa, a circa cinquantamila euro”. Federico Cireddu, in mattinata, ha sporto denuncia ai carabinieri. “Credo che si tratti di un incendio di natura dolosa, sono sicuro di aver disalimentato tutte le apparecchiature elettriche prima di lasciare il casolare e la stufetta a gas era senza bombola, per cui credo che le fiamme siano state appiccate”.

 

 

L’appello è sin troppo chiaro: “Vogliamo sapere chi è stato. Qualcuno ha visto qualcosa e può aiutarci? Se sì, chiamateci al +393920362020”.

L'articolo “La nostra nuova casa incendiata a Serramanna, 50mila euro di danni: chi è stato?” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.