Prima l’annuncio della zona rossa, poi il passo indietro, tutto in poche ore. Il sindaco di La Maddalena Fabio Lai, in tarda serata, ridimensiona il lockdown. Il motivo? L’assenza, almeno per il momento, di alcuni dati. Ecco la spiegazione pubblicata sulla sua pagina ufficiale di Facebook e subito condivisa su quella del Comune sardo: “Appena finito di interloquire con assessore alla Sanità, commissari straordinari Ats, dirigenti dell’Igiene Pubblica.Valutati tutti gli aspetti relativi all’emergenza in corso, si è ritenuto opportuno attendere altri dati”, afferma Lai. 

 

 

“La nota pec con la quale mi si chiedeva di istituire la zona rossa, non indica il numero dei casi positivi alla variante inglese.
Per tali ragioni abbiamo deciso di procedere come segue: chiusura, in via precauzionale, delle scuole di ogni ordine e grado. Convocazione del C.O.C. (Centro Operativo Comunale) alle 8 di domani. Si invitano gli studenti pendolari a richiedere, in via precauzionale, l’attivazione della didattica a distanza. L’eventuale istituzione della zona rossa si valuterà a seguito degli ulteriori dati richiesti agli uffici competenti. Quando si trattano questi temi è importante effettuare le dovute verifiche prima di fornire numeri ed è per questo che non lo ho ancora fatto. Appena me li forniranno ufficialmente ve li comunicherò. Nel frattempo manteniamo alto il livello di attenzione”. Zona rossa in Sardegna, quindi, solo a Bono e a San Teodoro.

L'articolo La Maddalena zona rossa, il sindaco ci ripensa: “Attendiamo altri dati” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.