La guerra dei Giganti e il Museo chiuso: indagano i carabinieri
Avviati accertamenti dopo l’ordinanza del sindaco Abis che ha bloccato il trasferimento delle statue

I carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cagliari indagano sulla vicenda dei Giganti di Mont’e Prama al centro dello scontro tra la Sovrintendenza archeologica, che ne vorrebbe trasferire due a Cagliari per sottoporli a restauro, e il Comune di Cabras, che si oppone chiedendo un restauro eseguito nei locali del Museo lagunare, e in questo trovando un ampio consenso popolare.

I militari stanno vagliando diversi aspetti della delicata vicenda, alla luce anche dell’ordinanza emessa dal sindaco Andrea Abis per ragioni di ordine pubblico, con la quale proprio il museo, dove i Giganti sono custoditi, è stato chiuso per otto giorni. La sovrintendente archeologica Maura Picciau mercoledì mattina si è trovata davanti ai cancelli sbarrati e non è potuta entrare a visionare le statue dei Giganti e il materiale archeologico che per il loro restauro dovrebbe essere trasferito a Cagliari.

Proprio questo mancato accesso sarebbe uno degli elementi all’attenzione dei carabinieri, perché la norma nazionale prevede come ai funzionari della Sovrintendenza debba essere garantita la verifica dello stato dei beni posti sotto tutela. Verifica che in questo caso, invece, è stata impedita.

segue

Venerdì, 12 febbraio 2021

L'articolo La guerra dei Giganti e il Museo chiuso: indagano i carabinieri sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.