Ha varcato il confine il virus della febbre del topo – hantavirus -, isolato per la prima volta in Italia in Friuli Venezia Giulia nelle viscere di alcuni Apodemus flavicollistopolini selvatici dal collo giallo, una decina di esemplari sono stati trovati morti a Tarvisio (Udine). Luca Lapini, zoologo del museo di storia naturale di Udine, aggiorna costantemente lo stato delle scoperte ma prima di tutto si raccomanda: “Niente allarmismi, non ci sono rischi sanitari”. L’unico caso di infezione sull’uomo finora registrato in Italia è di importazione, una persona che si è contagiata nella Selva di Tarnova (Trnovski Gozd, Slovenia) ed è stata curata nel nostro Paese. Al 10 giugno in Slovenia i casi accertati erano 213. Tutti pazienti ricoverati in ospedale.
C’è allarme sanitario? “No – chiarisce Lapini –. Non esistono casi di infezioni sull’uomo in Italia. Finora solo in territorio sloveno o austriaco”.
Continua a leggere su Q.net

L'articolo La ‘febbre del topo’ è arrivata in Italia proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.