Distanze da mantenere e da tenere sotto controllo. Il 15 giugno riaprono le discoteche: meglio, possono riaprire. Con le nuove regole definite dalle Regioni, i gestori esprimono più di un dubbio: Federico Cordeddu, 33 anni, è il gestore del Soho Discoclub in via Newton: “Tutte le proposte arrivano da gente che non è del settore che vive la notte, cioè politici e tecnici che guardano solo l’aspetto teorico. I due metri? Impossibile, non siamo all’asilo con una maestra che deve controllare dei bambini, nella mia discoteca ci viene gente grande e vaccinata che, eventualmente, potrà essere seguita, ma solo nei limiti del possibile”. Insomma, il rischio di diverbi o di clienti che, magari, andranno a ballare da un’altra parte, non rende certo tranquillo Cordeddu: “Sui metri di distanza tra i tavoli si può sicuramente ragionare”. Nessuno “sconto” o quasi, invece, per quanto riguarda “i biglietti e le prenotazioni, possibili solo in caso di eventi di un certo tipo e, in caso di sold out, molti arriverebbero e troverebbero le porte chiuse”.

Che fare, allora? “Si potrebbero adottare dei piccoli accorgimenti, ma voglio essere aiutato, in questo percorso, dai politici e dalle Forze dell’ordine. Nel mio locale ci stanno 600 persone, quando riaprirò dovrò rinunciare ad un buon trenta per cento di presenze. Dovrò licenziare delle persone e anche i miei investimenti saranno inferiori, spero almeno di andare in pari con le spese”.

L'articolo “La discoteca non è un asilo, come controllo i clienti nel mio locale di Cagliari?” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.