I sassaresi mitigano l'amarezza della Coppa Italia con una bella prestazione. Svetta Kruslin, autore di 20 punti

SASSARI. Bella, tosta e cattiva al punto giusto. La Dinamo supera la Reyer Venezia per 96-88 nell’anticipo della quinta giornata di ritorno della serie A di basket e conserva il secondo posto in classifica. I biancoblù di Gianmarco Pozzecco tengono testa alla grande a una diretta concorrente e con un secondo tempo di altissimo livello cancellano la delusione della Final Eight.

A metà gara la squadra di De Raffaele era avanti 47-52. Qualche assenza di rilievo per gli ospiti (Cerella e Vidmar infortunati, con Daye malconcio e Bramos fuori dopo un minuto), ma contro la corazzata veneziana il Banco di Sardegna ha tirato fuori il meglio, mandando 6 uomini in doppia cifra e riuscendo anche a ribaltare il -7 dell’andata.

Top scorer a sorpresa Filip Kruslin (20 punti), con Burnell e il nuovo acquisto Happ in grande spolvero e Bilan che è venuto fuori alla distanza. Solita grande prova per Spissu, che ha chiuso con 10 punti e 6 assist. Martedì si torna in campo nel primo match dei playoff di Champions League: al palazzetto arriva Saragozza.

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.