“L’acqua nei campi di Samassi, Serramanna e Villasor è sporca e sta intasando i bocchettoni dell’irrigazione, costringendo gli agricoltori a pulire i filtri ogni ora”. Lo denuncia Giuseppe Onnis, presidente di Coldiretti Samassi che punta il dito contro l’Enas, l’ente acqua Sardegna “reo di non pulire i canali in cui scorre l’acqua destinata all’irrigazione”.

“L’acqua che arriva dai canali a cielo aperto è sporca ed oltre a richiedere la presenza attenta di una persona che deve pulire i filtri non assicura l’irrigazione delle colture”.

La causa sono i canali sporchi che non sono stati puliti dall’Enas. “L’acqua della diga è pulita come conferma l’acqua dei distretti in cui anziché nei canali a cielo aperto passa nei tubi. Ci ritroviamo a pagare per un disservizio che rischia di compromettere i raccolti di pomodori, meloni, angurie e i carciofi che stiamo per impiantare oltre ad accrescere le spese” evidenzia Onnis.

Sul banco degli imputati finisce l’Enas, l’ente acqua, che non ha garantito la pulizia dei canali: “è lì che l’acqua si intorbida e intasa gli impianti di irrigazione”.

“Non si può lavorare in queste condizioni – evidenzia il presidente di Coldiretti Cagliari Giorgio Demurtas -. Enas lasciando i canali sporchi non sta garantendo un servizio e sta causando ulteriori costi alle aziende agricole costrette a stare a fare da guardia agli impianti di irrigazione. E’ necessaria una seria programmazione per la pulizia dei canali perché si stanno mettendo a rischio aziende agricole che investono molto nelle proprie colture”.

L'articolo La denuncia di Coldiretti Cagliari: “L’acqua sporca rende impossibile l’irrigazione dei campi” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.