La schiena, ma anche le caviglie o le gambe. Stefano Scalas, 45 anni: “È una malattia invalidante ma per la sanità è la politica sono ancora un fantasma. Peggio, invisibili”Stefano Scalas a Radio Casteddu racconta la sua esperienza: “La fibromialgia è un problema che ti fa sentire male. La mattina, quando ti alzi, non riesci a stare bene perché ti condiziona la vita, ti toglie l’energia: è una malattia un po’ invisibile, perché non si riesce a capire che cosa scaturisce questi dolori. Alla fine è una malattia reumatologica. Io ho capito di averla due mesi fa circa perché anche mia sorella ha questa sindrome è mi ha detto che sicuramente ne ero affetto anche io.I dolori sono in tutto il corpo, non c’è una meta fissa. Quelli cronici si spostano dalla schiena alle spalle e se si fa attività fisica i muscoli si stressano e arrivano a indolenzirsi, ma la schiena è il posto più colpito. È una malattia invalidante e attualmente il servizio nazionale sanitario non ci riconosce nessun tipo di agevolazione”.Risentite qui l’intervista di Paolo Rapeanu e Gigi Garauhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/175643174441887/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.