Paolo Zandara, Segretario Regione Sardegna sindacato Sispe (Sindacato italiano specialisti pediatri), ai microfoni di Radio Casteddu: “Attenzione alla sindrome multisistemica che colpisce il bambino a distanza di 4 settimane dopo la guarigione dal coronavirus. Riesce a indurre l’organismo a produrre delle sostanze che vanno a danneggiare l’organismo, può creare dei problemi anche molto gravi che possono provocare  la morte.La settimana scorsa un bambino è stato trasferito da Olbia al Bambin Gesù con un Falcon dell’aeronautica militare, in Inghilterra, prima di questa variante, erano molto meno i ricoveri. Ci sono  patologie post covid che vanno a colpire anche i bambini piccoli: dopo il coronavirus è bene che stiano attenti.In Sardegna siamo l’unica regione che non ha un’area di rianimazione pediatrica che consente al bambino di essere supportato. I pediatri hanno inoltrato la richiesta all’assessore dalla sanità”.Un altro dato che preoccupa: “I tumori nei bambini sono drasticamente calati, ma non è  diminuito il numero dei bambini malati, si arriva più in ritardo a fare una diagnosi e sappiamo che la precocità è determinante”.Risentite qui l’intervista a Paolo Zandara del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/438266307421893/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.