L’indice Rt? Il più basso tra tutte le regioni italiane, 0,67. E, soprattutto, rischio basso e percentuali di riempimento dei posti letto in reparti standard e terapie intensive ben al di sotto della soglia critica. Ecco perché la Sardegna rimane, ancora, in zona bianca. In un’Italia che, purtorppo, soffre i contraccolpi della circolazione delle varianti Covid, la nostra Isola di conferma davvero “felice”. Bar e ristoranti possono continuare a lavorare la sera, i titolari di palestre e piscine incrociano le dita e attendono l’ok di Christian Solinas per poter riaprire da lunedì otto marzo. Con la Sardegna che, proprio da quella data, si blinda contro il virus con il piano, ufficializzato dallo stesso presidente sardo con un’ordinanza ad hoc, che prevede la registrazione prima del l’imbarco e la quarantena obbligatoria per chi rifiuta test o tampone entro 48 ore dall’arrivo nella regione.

 

Intanto, oggi e domani la campagna “Sardi e sicuri” arriva a Cagliari. Test gratis in 17 punti tra palestre e fiera. E domani le prime mille dosi di vaccino agli ultraottantenni, distribuite proprio nell’area fieristica di viale Diaz dall’Ats.

L'articolo L’Rt più basso d’Italia è quello della Sardegna: zona bianca confermata per altri 7 giorni proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.