Il Covid fa di nuovo sul serio e, a poche ore dal Natale, fa registrare un’impennata di casi pari al 42% in più in una sola settimana. Lo rileva la fondazione Gimbe nel consueto monitoraggio del giovedì. Un dato se possibile ancora più inquietante se si pensa che la variante Omicron, considerata molto più contagiosa dell’attuale Delta anche se meno pericolosa e aggressiva, non è ancora prevalente. Intanto, il governo cerca di correre ai ripari per provare a limitare i danni: è in corso la cabina di regia con il premier Draghi in cui si metteranno a punto le nuove restrizioni. Nessun lockdown all’orizzonte, almeno per ora, ma rafforzamento delle misure di prevenzione, con accorciamento della durata del green pass per anticipare le terze dosi a 5 o massimo 6 mesi, mascherine obbligatorie all’aperto e di tipo Ffp2 su mezzi pubblici e luoghi affollati, tampone per chi non ha ancora la terza dose per poter entrare in discoteche, cinema ed eventi affollati. In discussione anche l’obbligo del super green pass (rilasciato solo a vaccinati o guariti dal Covid) per i lavoratori.

L'articolo L’orribile regalo di Natale del Covid: +42% di casi in una settimana proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.