Il Consiglio dei ministri sta per varare le nuove misure anti-Covid con un decreto ma per ora resta l’Rt il valore di riferimento. E nelle regioni dove si registra il peggioramento dei dati automaticamente cambieranno fascia.

Rischiano di essere 11 le regioni in rosso mentre Toscana, Umbria, Liguria e Puglia vanno verso l’arancione, resterebbero gialle solo Valle D’Aosta, Sicilia e Calabria mentre la Sardegna dovrebbe rimanere zona bianca.

Le decisioni arriveranno oggi ma si va verso una Pasqua blindata con lo stop alla circolazione dal giovedì al martedì successivo, ovvero fino alla scadenza naturale del dpcm. Di fatto anche la ‘querelle’ sulle chiusure nel weekend viene derubricata proprio per il peggioramento della situazione, anche se con il decreto dovrebbe in ogni caso cambiare il parametro con l’automatismo dei 250 contagi settimanali ogni 100 mila abitanti.

Dunque un lockdown pasquale sulla falsa riga di quello natalizio, con ristoranti e bar chiusi. Durante il confronto tra governo, regioni ed enti locali non si è discusso delle misure, non si esclude che un passaggio possa avvenire domani. Continua a leggere su Agi.it

L'articolo L’Italia verso una Pasqua blindata proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.