Emanuele Frongia, presidente sud Sardegna: "Invece della sospensione dei pagamenti arrivano le cartelle: molti di noi non hanno ancora neanche aperto"

CAGLIARI. Mille euro circa a testa. A tanto ammonta la tassa che ogni imprenditore oggi dovrebbe pagare come «gestione commerciante». Un versamento dei contributi fissi che i titolari dei locali pagano quattro volte in un anno. «Speravamo che il Governo potesse sospendere il pagamento -spiega Emanuele Frongia, presidente della Fipe Confcommercio Sud Sardegna - è assurdo che oggi, mentre si parla ancora di Ristori quinquies, ovvero una sospensione ponte delle cartelle di pagamento almeno per altri due mesi, ci arrivano le tasse da pagare».

Un'azienda di tre soci, una piccola snc di un bar, si trova a pagare 3mila euro, circa mille euro a testa. «Come è possibile che ci venga chiesto di pagare queste cartelle se non sappiamo come pagare? Molti  non hanno ancora aperto i loro locali - aggiunge - Il rinvio sarebbe stato il minimo se consideriamo che stiamo vivendo un'emergenza economica e sanitaria senza precedenti. Siamo allo stremo, mentre chiediamo di poter aprire i nostri locali anche la sera per poter sollevare in parte l'economia delle nostre casse, ci arrivano anche le tasse da pagare, oltre il danno, la beffa. I nostri dipendenti sono ancora in cassa integrazione - conclude - non riusciamo a farli lavorare. Otto di noi su dieci non riusciranno sicuramente a pagare». (ANSA).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 

Leggi tutte le notizie del giorno in Sardegna

Leggi tutte le Offerte di Lavoro in Sardegna


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.