Il governatore Musumeci: "I presidi negli scali aeroportuali e portuali determinanti nel contenere il contagio"

SASSARI. Chi arriva all’aeroporto di Catania o a quello di Palermo e non può esibire un certificato di negatività al Covid frutto di un test realizzato nelle ultime 48 ore deve, obbligatoriamente, sottoporsi a tampone rapido (gratuito) nelle strutture allestite dalla Regione. La stessa cosa avviene nei porti dell’isola e nell’aeroporto di Trapani. Questo è il “Sistema Sicilia” varato dal presidente Nello Musumeci per tenere sotto controllo gli ingressi e contenere una ripresa del contagio nell’isola.

«Sin dalla prima fase della pandemia _ sottolinea il governatore siciliano _ abbiamo prestato attenzione ai passeggeri in arrivo. Addirittura a febbraio dello scorso anno abbiamo invitato comitive di turisti del nord, già prenotati, a rinviare la loro venuta nell’isola per evitare possibili contagi. I fatti mi hanno dato ragione, al di la delle polemiche. In questa seconda fase la realizzazione di presidi negli scali aeroportuali e portuali, a cominciare dallo stretto di Messina, ha costituito uno strumento di controllo assai prezioso».

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.