Gianni Chessa assessore al Turismo ai microfoni di Radio Casteddu: “Mi dispiace se dovessimo raggiungere il pessimo traguardo della zona arancione: stanno disorientando le persone e stanno mettendo in ginocchio il commercio e le attività produttive. Negli italiani sta crescendo sempre di più il dubbio che il governo nazionale nasconda qualcosa, mi dispiace perché la Sardegna è presa d’attacco, a volte, anche ingiustamente.Oggi, per esempio, ho letto che i contagi sono diminuiti come i ricoveri però cambiamo di colore: c’è qualcosa che non torna, però dobbiamo metterci nelle mani dei medici, dei comunicati sementifici. Fa male al turismo, ma in questo momento a tutta la categoria produttiva. Alla fine va bene tutto, anche chiudere, ma il governo dia i soldi per non far morire le aziende. Servono i soldi altrimenti come incassano le tasse dei cittadini? Anziché preoccuparsi di cambiare i colori dell’Italia, che si occupino di inviare i vaccini.Il Ministro Speranza dovrebbe stare rinchiuso a casa senza soldi per capire la disperazione della gente”.Risentite qui l’intervista a Gianni Chessa del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanuhttps://www.facebook.com/castedduonline/videos/131784582110754/e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDUhttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.newradio.radiocastedduonline

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.