Il comandante della Legione, il generale Giovanni Truglio, con il prefetto di Cagliari, Bruno Corda, hanno deposto una corona di alloro ai piedi del monumento ai caduti nel piazzale della caserma

CAGLIARI. Nella mattina di oggi, a Cagliari, presso il Comando Legione Carabinieri Sardegna, si è celebrato il 206esimo anniversario della fondazione dell'Arma dei Carabinieri con una simbolica cerimonia privata in cui il comandante della Legione, il generale Giovanni Truglio, unitamente al prefetto di Cagliari, Bruno Corda, hanno deposto una corona di alloro ai piedi del monumento ai caduti del piazzale della caserma in segno di omaggio e riconoscente ricordo a tutti i carabinieri che hanno perso la vita nel l'adempimento del dovere. L'occasione é stata propizia per un bilancio consuntivo sulle diverse attività dell'istituzione in questa regione. image MARIO ROSAS -.jpg

I primi mesi del 2020 sono stati segnati dall'emergenza coronavirus che, anche dal punto di vista statistico, ha portato a una significativa oscillazione, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, dei dati percentuale relativi all'attività di di prevenzione e contrasto dell'illegalità portata avanti dal Comando provinciale. Le varie articolazioni (comandi stazione, compagnie) dell'Arma territoriale, in stretta sinergia con i reparti della linea speciale e mobile (Ris, Nas, Noe,Tpc, Ros, Squadrone eliportato Cacciatori di Sardegna, 9* Battaglione Sardegna, 11 Elinucleo CC Elmas, Squadre antiterrorismo, motovedette) sono state impegnate oltre che nella consueta attività di controllo del territorio, anche in quelle legate alla prevenzione, informazione e verifica del rispetto delle norme entrate in vigore per frenare la diffusione del Covid-19.

Su questo fronte, complessivamente, i militari dipendenti dal Comando provinciale hanno controllato oltre 33mila persone, sanzionandone quasi 900. Importante l'aiuto fornito dai carabinieri alla popolazione in difficoltà di varia natura a causa del lockdown, con l’importante apporto della Scuola allievi carabinieri di Iglesias nelle consegne di supporti didattici informatici agli studenti e di generi alimentari alle famiglie indigenti. I carabinieri del Comando provinciale di Cagliari, da giugno 2019 a giugno 2020, hanno perseguito quasi 16mila delitti, arrestando 683 persone e denunciandone 4.146. In linea di massima i reati registrano un calo del 12 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Sette gli omicidi commessi, tutti risolti con l'arresto dei responsabili; tre i tentati omicidi anche in questo caso tutti scoperti.

Centosedici le rapine consumate, 51 quelle scoperte. In leggera crescita, verosimilmente per l'aumento di operazioni via Internet a causa del lockdown, le truffe e le frodi "informatiche" passate da 2.176 a 2.331, con un incremento del 7 per cento, 262 i reati informatici scoperti. Quasi 150 gli interventi eseguiti per maltrattamenti in famiglia o violenza di genere: 25 le persone arrestate, 114 quelle denunciate. Sul fronte della lotta al traffico e allo spaccio di droga, i carabinieri del Comando provinciale hanno sequestrato quasi 27 chili di cocaina, 2 di eroina, 471 di hascisc, quasi 2.500 chili di marijuana e oltre 3 chili di droghe sintetiche. Complessivamente sono stati eseguiti oltre 130mila controlli con l'identificazione di oltre 160mila persone. (luciano onnis)

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.