Ci sono storie che meritano di essere raccontate, in un primo marzo 2021 che ha davvero il sapore del giorno storico per tutta la Sardegna. Zona bianca, si riparte: incrociando dita e gambe, sperando che il virus continui la discesa verso una “quota zero” che manca, nell’Isola, da troppi mesi. Nella Marina di Cagliari salotto buono di ristoranti e locali food c’è anche lei, Jasvir Bhela. Ristoratrice indiana, da anni delizia i suoi clienti con piatti insaporiti da curry e altre spezie, direttamente dal Punjab alla nostra Isola. Anche lei può naturalmente riaprire a cena, e le sue luci hanno illuminato un tratto di via Barcellona. “Oggi un po’ meno gente, forse perché non sono ancora abituati. C’è un po’ di paura, ma pian pianino ci riprenderemo”.

 

“Era difficile andare avanti restando chiusi, ora vaccini e controlli. Se torniamo alla situazione precedente sarebbe una condanna, noi abbiamo sempre rispettato tutte le regole”, spiega, decisa, Jasvir. “Abbiamo risentito molto di queste chiusure, ma è stato difficile. Sono molto felice di riaprire. Andrà tutto bene, dai”.

L'articolo Jasvir, la ristoratrice indiana che incrocia le dita nella Marina deserta: “Andrà tutto bene” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.