Nona settimana consecutiva di proteste contro il premier

(ANSAmed) - TEL AVIV, 23 AGO - Una nuova manifestazione di protesta contro il premier Benyamin Netanyahu, organizzata la scorsa notte a Gerusalemme presso la sua residenza, è degenerata in incidenti fra i dimostranti e reparti della polizia. Secondo dati forniti dalla polizia, una trentina di dimostranti sono stati fermati - dopo che avevano organizzato un corteo non autorizzato - e tre agenti sono rimasti contusi.

Sul web hanno intanto destato indignazione le immagini di un agente della polizia ripreso mentre attacca un dimostrante intento a proteggersi. In una delle immagini si vede il poliziotto mentre col ginocchio fa pressione sul collo del dimostrante, neutralizzato a terra. Su questo incidente la polizia afferma di aver avviato una verifica.

La stampa precisa che si tratta della nona settimana consecutiva in cui dimostranti (ieri erano stimati in oltre diecimila) si radunano presso la residenza ufficiale di Netanyahu, a Gerusalemme, e presso la sua villa privata a Cesarea, per esigerne le dimissioni perché persuasi che un esponente politico oggetto di tre incriminazioni non possa fare il primo ministro. (ANSAmed).

Fonte: La Nuova Sardegna

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.