rossa

“ Bene le riaperture, siamo pronti a iniziare di nuovo il nostro lavoro rispettando tutti i protocolli imposti dal Governo, ma chiediamo che anche i nostri colleghi che dispongono di poco spazio siano aiutati per equità sociale”.

Parole del presidente di Confcommercio Sud Sardegna Alberto Bertolotti e del rappresentante Fipe Sud Sardegna Emanuele Frongia  che accolgono favorevolmente l’ipotesi di riaprire anche i locali dal 26 aprile in poi.

Rimane un’incognita su ciò che accadrà nell’Isola se si considera che la Sardegna rimarrà in zona rossa almeno fino al 25 aprile secondo l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza.

“La voglia di lavorare è tanta, e proseguiremo sulla stessa strada che abbiamo seguito in altre occasioni, ovvero massimo rispetto delle regole”, precisa Bertolotti che chiede anche “un aiuto per chi ad esempio non dispone uno spazio interno tale da poter rispettare le distanze di sicurezza che pare possano essere ampliate da uno a due metri”.

“Molti locali, soprattutto del centro storico e delle piccole realtà”, aggiunge Frongia, “hanno dimensioni ridotte, tali da non poter certamente permettere ai titolari di rialzare le serrande dopo un periodo di chiusure forzate che si protrae ormai da troppo tempo. La situazione è diventata insostenibile e i nostri colleghi rischiano di dover mandare all’aria una vita di sacrifici, per questo motivo ci appelliamo al Governo. La soluzione più equa sarebbe quella di prevedere ristori aggiuntivi e se la strada che si vuole seguire è quella di prediligere gli spazi esterni, è necessario fare uno sforzo concettuale e pratico per chi non gode di aree all’aperto”.

L'articolo “Isola in zona rossa fino al 25 aprile, dubbi sulle riaperture in Sardegna” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. *La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per informazioni e segnalazioni scrivi al nostro indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.