Ventidue anni, a breve in tasca una laurea in Fisica e tanti sogni nel cassetto. Il principale? “Lavorare in un grande laboratorio”. Progetti e obbiettivi, quelli di Alessandro Trudu, 22enne di Decimomannu, che riesce a imbastire grazie a un intervento che gli ha salvato la vita. Nel 2014, quando aveva sedici anni, la sua esistenza cambia nel giro di pochi secondi: “Ho avuto un atroce mal di testa, ho scoperto di avere un tumore al cervelletto”. Un medulloblastoma cerebellare, questo il termine medico corretto: “Sono stato operato al Microcitemico, ho trascorso due anni prima di assorbire un colpo non certo facile. Poi, sono andato avanti con le cure di fisioterapia e chemioterapia, continuo ancora oggi a prendere pastiglie per la tiroide”, spiega il giovane. C’è anche lui a manifestare contro il cambio, deciso dalla Regione, dell’ospedale di via Jenner. “Il cambiare continuamente da un operatore all’altro crea grosse difficoltà per noi pazienti, non sai mai dove devi andare a fare le visite”. Problemi che si riflettono, secondo Trudu, anche “sui dottori che devono lavorare insieme a noi”. La facciata multicolore e le corsie dell’ospedale, il ventiduenne, le conosce sin troppo bene.

“Devo andare lì almeno 3 volte l’anno per risonanze, visite audiometriche e altre, di routine. L’aiuto che sto ricevendo dai dottori angeli del Microcitemico è importante, non è il ‘classico’ ospedale dove tutti sono freddi e devi attendere tempi lunghi. Bisogna mantenerlo così com’è”, osserva deciso Trudu. “Non smetterò mai di ringraziare i dottori per ciò che hanno fatto e voglio continuare ad avere, da loro, tutti i consigli dei quali ho bisogno”.

L'articolo “Io, salvato da un tumore al cervelletto grazie ai medici del Microcitemico di Cagliari: non toccatelo” proviene da Casteddu On line.

- SARDA NEWS -

LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DI OGGI
 


Sarda News non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.
Sardanews.it - portale web informativo, non gode di finanziamenti pubblici, non chiede registrazioni personali agli utenti, totalmente gratuito, autofinanziato e sostenuto dai banner pubblicitari che compaiono tra le notizie. Se vuoi sostenerci ti ringraziamo per la fiducia e ti invitiamo a disabilitare eventuali adblock attivi sul tuo browser. Per info e segnalazioni scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.